Punto G. Una leggenda? No, e conoscerlo può cambiare tutto.

Il punto G è quella zona del corpo che alcune donne non sanno nemmeno di avere. Ma la realtà è che ci sono molte donne che non hanno mai trovato il proprio punto G, e dunque ne ignorano totalmente la sua esistenza. Perchè?

Per cominciare, può essere difficile da individuare. Inoltre la stragrande maggioranza delle donne si sono abituate alla stimolazione esclusivamente clitoridea, che spesso risulta sufficiente per lo scopo.
Perché dunque dannarsi nel cercare qualcosa che forse non esiste neanche.

Semplice. Perché se tutti ne parlano, un fono di verità c’è sempre.

Quelle donne che sono riuscite a trovare quel luogo sacro, parlano di una sensazione molto diversa, piena e appagante, più completa rispetto al “solo” orgasmo clitorideo.

Logicamente, poi, qualsiasi uomo capace di trovare il punto G di una donna e capace di stimolarlo per esasperare il piacere di una donna ha un vantaggio competitivo sugli altri uomini enorme.
Da qui verrà etichettato come amante straordinario.

Trovarlo, però, è solo il primo passo. Bisogna sapere come funziona e il modo migliore per stimolarlo per il massimo del piacere. Sapere qualche posizione sessuale utile per raggiungere questa zona erogena aiuterà ulteriormente la causa.

Pronto/a per scoprire un mondo che pensavi non esistesse? Ecco come dominare il punto G – cosa è, cosa fa, come trovarlo, le migliori pratiche per dare un piacere pieno una donna…e ben oltre!

1 – Punto G: Cos’è e dove si trova

Potresti essere sorpreso di sapere che il punto G non è affatto un punto. “Quello che molte persone non capiscono è che il punto G non è un punto fisso, come può sembrare il clitoride“, dice il terapista sessuale Kerrin Bradfield, “e non è nella stessa posizione di tutti. Il punto G si riferisce più a una zona della spugna uretrale e del clitoride che produce una sensazione unica quando viene stimolata “. Il punto G è stato scoperto per la prima volta negli anni Cinquanta e fu descritto dal Dr. Ernst Grafenberg come una “zona distinta erotogenica” sulla parete vaginale anteriore lungo l’uretra che risponde alla stimolazione sessuale. Ma è stato il dottor Beverly Whipple che ha dato l’attuale nome, punto G, dopo il dottor Grafenberg.

punto-g-trovarlo
Dove si trova il punto G

Quindi, come funziona questa zona particolare del corpo? Si tratta sostanzialmente di una concentrazione anormale di terminazioni nervose. “Il punto G è un’area segnata da molti percorsi nervosi sensibili, tessuti e organi”, spiega il chirurgo Dr. Jess O’Reilly. “Al contrario di essere un organo singolare, si ritiene che la sua sensibilità sia legata alla stimolazione corollaria della prostata femminile (precedentemente denominata ghiandole di Skene), spugna uretrale e clitoride interiore”.

Ora sarebbe anche un buon momento per notare che gli orgasmi che si verificano attraverso la stimolazione del punto G rispetto a quelli che derivano dalla stimolazione clitorale sono correlati – ma si sentono molto diversamente. “Gli orgasmi da punto G si sovrappongono anche agli orgasmi clitorali e vaginali, poiché l’area conosciuta come il punto G è accessibile attraverso la parete anteriore della vagina e si trova in prossimità delle gambe del clitoride”, afferma il Dr. O ‘Reilly.

“Sia i conti scientifici che quelli aneddotici degli orgasmi da punti G, tuttavia, suggeriscono di essere distinti da altre esperienze di piacere. Le donne spesso riferiscono che un orgasmo al punto G si sente diverso da quello clitorale, in quanto si prova una sensazione di contrazione e rilassamento dei muscoli del pavimento pelvico in contrapposizione all’effetto dalla stimolazione clitorale “. Infatti, la ricerca suggerisce che il cervello utilizza in realtà regioni diverse per elaborare le diverse tipologie di orgasmo.

“Il dottor Beverly Whipple e il dottor Barry Komisaruk hanno scoperto che la stimolazione vaginale, cervicale e del punto G attiva diverse parti del cervello attraverso quattro differenti vie del nervo che collegano il clitoride, la vagina e la cervice”, dice il dottor O’Reilly. “Quello che è più eccezionale in questa differenziazione è il fatto che il nervo del Vagus bypassa il midollo spinale, permettendo anche a coloro che sono diagnosticati con lesioni del midollo spinale di provare piacere e orgasmo attraverso la cervice“.

Quindi, ora sai come funziona il tutto. Ma se il punto G differisce per la posizione da donna a donna, come si fa a trovarlo?

2 – Come trovare il punto G

Individuare il punto G richiede lavoro di squadra e comunicazione. Secondo il sexologist Megan Stubbs, il modo migliore per trovare la terra promessa è lavorare con il tuo partner per provare diversi metodi per trovarlo.” È più facile trovare il punto G attraverso un partner complice”, dice Stubbs. “Se il tuo partner è sdraiato sulla schiena, puoi inserire un dito nella vagina e individuare l’area, che si trova comunemente in due pollici nella vagina e sulla parete anteriore. Pensate di provare a toccare il pulsante del ventre dall’interno. ”

Come fai a sapere di averlo trovato? “Si dovrebbe sentire una differenza nei tessuti circostanti, potrebbe sentirsi più solida o più strutturata del resto della vagina e, naturalmente, si può chiedere anche un feedback dal partner, soprattutto se ci si accorge di una reazione accaldata della partner.
” È anche importante rendersi conto che il punto stesso è sentito attraverso la vagina, ma non si trova all’interno di essa. Il punto G è accessibile attraverso la parete superiore della vagina (verso lo stomaco)”, spiega il dottor O’Reilly. “Non è dentro la vagina, ma si sente attraverso la vagina. Si può arrivare giù e arricciare le dita contro la parete dello stomaco della vagina (non è molto profonda) per trovare il punto G. Se ti senti in un’area che è un po gonfia e meno liscia, probabilmente lo hai trovato. ”

Ancora difficoltà a localizzare la zona? Il Dottor O’Reilly ha alcune tecniche che non solo aiutano a colpire il punto, ma sono ideali per la stimolazione del punto G. “Curvare due dita nella vagina e premere contro la parete superiore in un movimento delicato”, dice. “Puoi anche provare ad arricciare tre dita nella vagina e premerli ritmicamente contro la parete superiore. Oppure, arricciare due dita dentro e scorrerle contro la parete superiore in un movimento che va dalla parte più profonda a quella più sterna della vagina “. Mentre stai provando ogni tecnica, assicurati di controllare le reazioni della tua signora per vedere se hai trovato il punto giusto e se sei troppo morbido o troppo intenso.
Ricorda, è un punto sensibile, quindi non c’è bisogno di forza, ma solo di movimenti precisi e delicati per trovare il punto giusto!

“Avevo cercato il mio punto G diversi anni fa”, dice Sabrina, 27 anni. “Ma poi avevo praticamente abbandonato l’idea finché il mio attuale ragazzo non mi ha detto che era sempre stato capace di trovare il punto G alle donne (cosi diceva).
Era totalmente diverso essere stimolata da una persona, piuttosto che da me stessa. Mi fidavo ed ero molto rilassata. Ha provato prima la stimolazione col pene, facendo sesso, ma non ho notato grosse differenze. Quindi ha usato le dita e dopo un po’ ho sentito veramente la differenza. Una vampata di calore mi ha preso, e ho capito che aveva trovato il mio punto G reale”.

3 – Come stimolare il punto G?

Quando si tratta di stimolare il punto G, ci sono sicuramente alcuni accorgimenti che vanno seguiti.
Prima cosa: assicurati che tu e la tua donna siate d’accordo sulla voglia di spingersi in là e provare a trovare il punto G. “Non bisogna dare per scontato che solo perché una donna ha la vagina, abbia voglia di essere stimolata nel punto G, dice Bradfield.” Per alcune persone può aumentare la sensazione di dover urinare, e questo può non essere piacevole. Bisogna essere in due a volerlo, con la giusta calma e complicità “.

Per gli uomini inoltre è molto importante fare attenzione a non recare danni o dolore alle pareti della vagina – questo include il taglio delle unghie! “Non bisogna essere troppo duri!” Stubbs avvisa. “Se si decide di stimolare il punto G con le dita, è fondamentale essere sicuri di avere le unghie corte e pulite. Il tessuto vaginale è molto sensibile. È anche necessario chiedere un feedback dal proprio partner, soprattutto se è la prima volta che si va a stimolare il suo punto G.
Una corretta stimolazione, che provochi piacere, può richiedere alcune volte prima di trovare un ritmo o una pressione perfetta, tale che la partner goda a pieno senza incertezze. Vero anche che alcune donne potrebbero non trovare la stimolazione del punto G affatto piacevole, ma spesso è solo questione di provare nei punti giusti.

Il dottor O’Reilly raccomanda di eccitare anche la donna in anticipo e in altri modi. “Durante la stimolazione e l’eccitazione, il punto G si gonfia e può essere sentito più facilmente”, spiega il dottor O’Reilly, “perciò fate un po’ di preliminari prima di lanciarvi in questo tipo di stimolazione. Molti punti G devono essere eccitati prima di godere di un diretto rapporto fisico”.
Mentre si è a questo punto, un po ‘di lubrificante può aiutare ulteriormente la causa. “Utilizzare il lubrificante può aumentare molto il movimento, la morbidezza e la facilità di trovare il punto giusto”.

Inoltre, se non riesci a trovare il punto G o non sei riuscito a entrare bene in sintonia col tuo partner, dargli qualche settimana e poi provare di nuovo potrebbe essere di grande beneficio.
“Se una donna oggi non ama provare le sensazioni liberate dal punto G, non insistere Non riuscirai a combinare nulla. Piuttosto aspetta un paio di settimane, e trova un momento in cui lei è molto eccitata e disponibile”, dice il dottor O’Reilly. “Il mood mentale della donna, al fine dell’orgasmo, è la cosa più importante di tutte”.

Che cosa dicono le intervistate a proposito?

“Sii gentile, non fare pressioni quando lo troverai, e non esagerare nel dargli troppo peso”, dice Stephanie, 24. “Trovare il punto G è indubbiamente un bonus aggiuntivo nel sesso, ma anche se non si riuscisse a trovare o se la donna non fosse troppo entusiasta non va visto come un fallimento. La cosa migliore che puoi fare è stare attento a come toccarla e chiederle come si sente. Non esitare a parlare e chiedere, solitamente una donna preferisce non dire niente per due motivi: per timidezza, e per non svilire i tuoi sforzi. Il modo migliore per stimolare il punto G è capire ogni volta alla partner cos’è piaciuto di più. Ma per saperlo deve esserci comunicazione ”

“Qualsiasi ragazza ti dirà che andare lentamente e delicatamente è l’approccio migliore per stimolare il punto G”, dice Elena, 25. “Soprattutto se lo si sta sperimentando per la prima volta e lei non sa bene come guidarti su cosa devi fare. Quando lo trovi potrebbe anche risultare una sensazione troppo forte le prime volte, e potrebbe essere necessario fermarsi e rallentare. È ciò che ha finito per succedere per me. Poi una volta abituata, puoi rilassarti e goderti a pieno questa sensazione fantastica. ”

4 – Punto G: le migliori posizioni sessuali

Quindi, ora abbiamo visto tutti i migliori modi per raggiungere il punto G con le dita. Ma se vuoi anche entrare nel pieno del divertimento, sarai felice di sapere che ci sono una manciata di posizioni che sono ideali anche per la stimolazione specifica del punto G.

Amanti intreccati

punto-g-amanti-Questa posizione permette lo sfregamento del pene sulla parte anteriore della vagina, stimolando enormemente il punto G. Inoltre è l’ideale per passare da sopra a sotto senza perdere un battito”, dice il dottor O’Reilly. “Una penetrazione più profonda permette la stimolazione del punto G, e l’accostamento laterale significa che le mani sono libere di toccare e accarezzare i punti desiderati”. Per farlo, entrambe le parti si trovano sui loro lati affacciati l’un l’altro. Questo permette di fare scivolare la gamba in cima al tuo corpo e di penetrarla a fondo dalla parte anteriore.

“Mentre la gamba della donna scivola verso il petto e verso i piedi, l’angolo di penetrazione altererà le sensazioni di entrambi gli amanti”, dice il dottor O’Reilly. “Si possono anche chiudere le gambe insieme per stimolare di più clitoride o far scivolare le dita tra i loro corpi per il contatto diretto del punto G”.
Vuoi renderlo ancora più intenso? “Per aumentare la profondità della penetrazione e la stimolazione della pelle sulla pelle, puoi far scivolare la gamba superiore tra le gambe di lei, permettendo una stimolazione clitoridea anche dell’osso pelvico”.

Cowgirl inversa

punto-g-cowgirl“Molte donne ritengono che la migliore stimolazione del punto G si abbia quando sono sopra, in quanto possono regolare l’angolo del proprio corpo e di penetrazione in base alle loro esigenze”, spiega il dottor O’Reilly.
“Provate la cowgirl inversa con le gambe della tua partner piegate in modo da aumentare la pressione del pene contro l’addome della donna. In questo modo è possibile stimolare fortemente la zona G attraverso la vagina, ma anche stimolare la pressione attraverso la vescica (attraverso lo stomaco)”.

Il trucco della posizione perfetta è…

punto-g-posizioni“Qualsiasi posizione che dà più penetrazione superficiale, ma che è angolare verso la parte anteriore dell’addome“, dice Bradfield. “La posizione dei talloni della donna messi dietro la sua testa funziona molto bene per la stimolazione del punto G, in quanto inclinando il bacino verso l’alto si avrà penetrazione contro la parete anteriore dell’addome. In alternativa è possibile mettere alcuni cuscini sotto i fianchi della donna.” “La stessa posizione a pecorina con il suo corpo leggermente sollevato sul letto da alcuni cuscini all’altezza del bacino e col pene che penetra verso il basso, toccando la parte davanti dell’addome della donna, è perfetta”.

Un’altra cosa da tenere sempre a mente quando hai l’obiettivo della stimolazione del punto G, è che non porterà all’orgasmo il 100% delle volte. “È importante notare che oltre l’80% delle donne non riescono ad  avere un orgasmo attraverso la sola penetrazione vaginale”, dice Bradfield. “Quindi, anche se si è in grado di stimolare perfettamente il punto G, non è detto che la donna riesca a provare un orgasmo”. In questi casi, che non sono affatto rari, Bradfield consiglia di unire allo stesso tempo anche la stimolazione esterna del clitoride.


Che cosa dicono le intervistate a proposito?

“Uno dei migliori trucchi che funziona sempre quando sto cercando di stimolare il punto G è l’utilizzo di cuscini dietro la schiena quando sono a pancia in su, o all’altezza del bacino quando mi trovo a pancia in giu.”, dice Stephany, 28. “Se sei in una posizione dove stai distesa sul dorso, un cuscino o due sotto di te in permettono al pene di colpire la parte anteriore, amplificando molto le sensazioni. Il mio ragazzo spesso dice che è lui che è un fenomeno, ma vi svelo un segreto: sono io che ho fatto i compiti e so che posizioni suggerirgli!

“Il mio fidanzato ha colpito il mio punto G per la prima volta quando lo stavamo facendo in una posizione a cucchiaio“, dice Camie, 25. “In pratica su un fianco, lui dietro di me. Lo stavamo facendo in un modo abbastanza pigro, ed io ho deciso di inarcare la schiena più del solito. Ed è cosi che deve aver colpito e stimolato la parete anteriore della vagina, e me ne sono accorta subito. Ricordo di aver fatto improvvisamente un urlo che non avrei mai immaginato di poter fare!


Trovare il punto G, come hai avuto modo di vedere, non è semplice, ma con un po’ di pazienza e complicità fra i partner può ridefinire del tutto il concetto di sesso.

Se hai delle difficoltà a trovare il punto G della tua donna, o sei una donna che pensa di non essere in grado di provare certe sensazioni, spesso sono utili anche dei giocattoli sessuali appositi.

Ce ne sono molti in giro, ma alcuni sono espressamente creati per la stimolazione del punto G sopra ogni cosa. Noi ne abbiamo effettivamente provati e visti diversi, tra cui alcuni Migliori vibratori per punto G.

Se sei interessata/o dare un occhio alle novità di oggi non costa niente, e la complicità che può dare un aiuto di questo tipo alla relazione è enorme…
Per qualsiasi dubbio o domanda…siamo a disposizione come sempre in privato o nei commenti!

[Voti: 7    Media Voto: 4.9/5]

1
Scrivici nei commenti!

avatar
1 Comment threads
0 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
0 Comment authors
Succhia Clitoride: vuoi raggiungere l'orgasmo? I 3 articoli TOP 2017! Recent comment authors
  Subscribe  
più nuovi più vecchi più votati
Notificami
trackback

[…] Se l’argomento vi interessa, vi consigliamo di approfondire leggendo l’articolo sul punto-G.  […]